Test Genetico e Microbiologico

genetica-piorrea

Test Genetico e Microbiologico per la cura della piorrea. Una buona diagnosi è basata sulla conoscenza delle cause della patologia. In caso dell’infezione parodontale, la causa principale sono i batteri che poi si vanno a “scontrare” col sistema immunitario. Dopo la prima visita, un punto fondamentale è una diagnosi strumentale in grado di offrire certezze e dati molto utili per una terapia efficace e poco invasiva.

Per raccogliere elementi certi nei casi più complessi o su richiesta del paziente eseguiamo un accurato test di laboratorio chiamato test microbiologico. Con questo test, che è molto preciso grazie all’analisi del DNA batterico, è possibile sapere in qualche giorno quali e quanti batteri sono presenti nella bocca del paziente.

Il test è non invasivo, molto semplice e rapido da eseguire. I campioni sono presi semplicemente inserendo alcuni punti di carta sterili all'interno delle tasche più rilevanti della bocca (tasche profonde con sanguinamento e/o suppurazione) e poi vengono raccolti e inviati al laboratorio di biologia molecolare.

Dopo circa due settimane il laboratorio invia il referto ed è possibile scoprire se sono presenti i principali patogeni parodontali, e in che quantità. I ricercatori hanno classificato le famiglie di batteri, che sono strettamente associati con la malattia. Di questa famiglie, chiamate "Complessi di Socransky " dal nome del ricercatore principale, le più importanti sono quelle rosse, arancioni e verdi.

Con questo test, è possibile conoscere anche, grazie alla subtipizzazione, se sono presenti dei batteri nella loro forma più aggressiva.

Ad esempio l’ Aggregatibacter actinomycetemcomitans, un batterio strettamente legato alla parodontite aggressiva, ha 2 forme particolarmente patogeniche: 652 e JP2. Questi 2 sottotipi producono più leucotossine, e la forma JP2 più di 652. In presenza della forma JP2, i danni clinici sono estremamente più elevati!

Anche di Porphyromonas gingivalis, il "re" dei patogeni parodontali, sono presenti molte forme. Esse si differenziano in base alle fimbrie, che sono degli organi di adesione. Le fimbrie di tipo II e IV sono più aggressive di altre. Alla fine del referto, sono riportati degli schemi in forma di "torte". La prima torta rappresenta la percentuale del numero totale dei batteri patogeni. Maggiore è il numero dei batteri patogeni, peggiore è la situazione. La torta di destra rappresenta la percentuale relativa degli agenti patogeni divisi in complessi. La presenza di più batteri del complesso rosso è peggiore rispetto alla prevalenza di batteri del complesso arancione.

Il test microbiologico è uno strumento che può anche essere ripetuto durante le varie fasi della terapia. Quando l'analisi di controllo mostrerà un livello di agenti patogeni basso, si potrà dimostrare che il paziente è guarito e che può entrare nel protocollo di follow-up o di controllo. Il test microbiologico sarà ripetuto ogni 6 mesi inizialmente e poi una volta all’anno, al fine di mantenere l'infezione sotto controllo e prevenire e trattare eventuali piccole ricadute in modo minimamente invasivo.

Per valutare e conoscere invece la propria predisposizione genetica alla malattia parodontale, è necessario un altro test di laboratorio genetico, ossia un’analisi del DNA.

Con questo test, che è indolore e molto semplice da eseguire, è possibile conoscere la personale predisposizione alla malattia periodontale, analizzando la presenza di particolari polimorfismi, a causa di alterazioni genetiche, di molecole associate alla risposta immunitaria, come l’interleuchina 1, la 10,la 6 nonché il VDR Taql. La presenza di alcune forme di queste molecole significa che la predisposizione alla periodontite può essere bassa, media, alta o altissima e in questo ultimo caso anche una piccola percentuale di patogeni può attivare il processo di “ritirata" dell’osso.

Combinando insieme i risultati di questi 2 test possiamo determinare quali batteri hanno causato la malattia e pianificare un piano di trattamento personalizzato in base al livello soglia di tollerabilità batterica. La presenza di una percentuale elevata di patogeni e / o un'elevata predisposizione richiederanno una terapia più radicale, volta quasi all’annullamento totale dei batteri.

Per completare la diagnosi e determinare il livello di malattia sono infine necessarie altre indagini basate sulla valutazione clinica e radiografica, che sono gli esami base di ogni terapia parodontale che si possa considerare professionale.

Lo status radiografico parodontale è un esame molto accurato che è composto solitamente da 16 radiogrammi per una bocca completa. Utilizzando la tecnologia digitale come quella presente in Microdent è possibile ottenere lastre di altissima qualità, con una emissione di radiazioni più bassa. Con questo esame è possibile valutare la gravità del riassorbimento osseo e l'anatomia dei difetti. E 'anche possibile evidenziare la presenza di altri problemi, come carie, lesioni endodontiche, restauri incongrui, etc ...

L'ultimo esame, chiamato sondaggio parodontale, permette di valutare la situazione clinica della bocca, misurando la profondità delle tasca (6 valori per elemento dentario), la presenza di sanguinamento o suppurazione, la mobilità, le recessioni ed il coinvolgimento delle forcazioni. Questo esame viene ripetuto ogni anno e sarà utile per analizzare la risposta alla terapia, che ha come obiettivo principali la riduzione dei batteri e della tasca ad una profondità inferiore a 3 mm. È un esame quantitativo ed è quindi un buon metodo per valutare i risultati della terapia in modo oggettivo.

Quando tutti questi esami sono fatti, il dentista ha tutti gli elementi per pianificare una terapia personalizzata, come quella LASER e microscopio assistita eseguita dai centri Microdent!

Se sei interessato a questi tipi di esami approfonditi, non esitare a contattarci!

  • Visite: 8260
  • Terapia Laser Microdent

    I centri Microdent adottano una terapia parodontale minimamente invasiva dai risultati validati oggettivamente grazie ad accurate analisi di laboratorio. I valori aggiunti sono una approfondita diagnosi seguita da una terapia di tutta la bocca con l’ausilio del microscopio e del Laser a neodimio, più potente ma meno fastidioso dei “comuni” Laser a diodi.
  • Diagnosi Strumentali

    Dato fondamentale per elaborare la diagnosi è il sondaggio parodontale, detto anche cartella parodontale, ossia una “mappatura” di tutta la bocca che permette di valutare e monitorare nel tempo la situazione.
  • Nuova Sede Microdent per il Sud Italia

    A Salerno, all’interno del palazzo di cristallo di via Santi Martiri Salernitani 15, è presente la sede di Microdent, centri con un’importante e decennale esperienza nel trattamento non chirurgico minimamente invasivo della parodontite...

    Sappiamo quanto siano importanti le certezze!

    I protocolli Microdent sono stati sviluppati in oltre 30 anni di pratica, migliaia di ore di studio e oltre 4300 pazienti trattati.

    Lavoriamo ogni giorno per migliorare la vita delle persone affette da problemi parodontali.

    La nostra volontà è quella di offrire le soluzioni più adatte in base alla persona, offrendo professionalità e competenza.

    Cura della parodontite in Sintesi

    Una storia lunga ormai 30 anni, fatta di passione per il proprio lavoro, amore per la tecnologia e con una sola missione: debellare la parodontite nei nostri pazienti con le tecniche meno invasive ed efficaci, preservando i denti il più possibile e abbattendo la paura del dentista.

    Dentista Bologna

    Microdent Dental SPA

    Dott. Simone Stori – Dentista Bologna – Esperto Cura della parodontite Dr. Simone Stori Iscritto all'Ordine degli Odontoiatri di Bologna numero 1575 P.IVA 07217640726

    © Microdent. Riproduzione Vietata anche se parziale - Powered by Mario Pompilio.